In questa guida scoprirete tutto quello che c'è da sapere sul crescente movimento del turismo eco-responsabile in Francia.

Il 73% dei francesi va in vacanza ogni anno. Se a questo si aggiunge che la Francia è una delle principali destinazioni turistiche del mondo, il numero di persone che vanno e vengono è molto elevato. Ma soprattutto, l'impatto sull'ambiente è enorme.

Non siamo disfattisti. S√¨, c'√® una buona notizia: nel 2020, il 37% dei vacanzieri vuole cambiare le proprie abitudini di viaggio per essere pi√Ļ rispettoso dell'ambiente. Rispetto al 2016, si tratta del 10% in pi√Ļ.

La domanda è: come potete contribuire a ridurre il vostro impatto sull'ambiente e sulla società quando andate in vacanza? Questa guida si occupa proprio di questo.

L'autore

Sono Géraldine, la fondatrice di Parcel Tiny House. Ho trascorso gli ultimi anni a lavorare nel turismo per grandi gruppi di cui forse non conoscete il nome: Club Med e Sofitel.

Nel 2019 ho deciso che anch'io dovevo fare la cosa giusta e ho lanciato Parcel. Parcel è un sito web che affitta case minuscole, in collaborazione con agricoltori francesi. Da allora, molte coppie hanno potuto godere di weekend eco-responsabili sui terreni degli agricoltori locali.

Che cos'è l'ecoturismo?

Turismo verde, turismo sostenibile, turismo eco-responsabile o ecoturismo: è probabile che abbiate letto una di queste parole di recente.

Eppure hanno tutte lo stesso significato.

Che cos'è esattamente l'ecoturismo? Secondo l'International Ecotourism Society, "l'ecoturismo è una forma di viaggio responsabile in aree naturali che contribuisce alla protezione dell'ambiente e al benessere delle popolazioni locali".

La definizione è ancora lunga qualche riga, ma si può già riassumere in due punti:
- Nessun o scarso impatto sull'ambiente;
- Nessun o scarso impatto sulle popolazioni locali.

Facile da ricordare, eh?

E se le cifre lo confermano, questo movimento sta crescendo e non ha intenzione di fermarsi.

Il settore del turismo sostenibile è in piena espansione in Francia, grazie alle iniziative di diversi attori del turismo eco-responsabile e al cambiamento di mentalità.

In termini statistici, il settore dell'ecoturismo registra una crescita annuale compresa tra il 20% e il 34%.

E questo è fantastico.

Esempi di turismo responsabile

Come abbiamo visto sopra, combinare il concetto di slow life con il turismo sostenibile per le vostre vacanze promuove l'autenticità attraverso una completa immersione.

Che cosa significa in pratica? Ne ho elencate alcune che potrebbero stuzzicare il vostro appetito:

Zaino in spalla

Il backpacking (il viaggio con il solo zaino in spalla) combina il turismo sostenibile e la slow life in termini di velocità. Di norma, un viaggio con lo zaino in spalla dura diversi mesi o addirittura anni, e ci si sente davvero a proprio agio nell'integrarsi in ogni città e paese in cui si posa lo zaino.
‚Äć
Sebbene l'aspetto ambientale sia criticato, soprattutto per tutti i giovani che volano direttamente nel Sud-Est asiatico per fare festa, ci sono molti benefici per le popolazioni locali che derivano naturalmente dalla lentezza del viaggio.

Viaggiare come volontario

Il turista volontario visita una destinazione con l'obiettivo di fare volontariato. Si pu√≤ partecipare a molti tipi di progetti diversi, compresi quelli che riguardano l'ambiente o la comunit√† locale. Ad esempio, il restauro di un monumento storico o la conservazione di un parco naturale. In ogni caso, questi tipi di progetti durano generalmente un mese o pi√Ļ e comportano un alto livello di integrazione con la comunit√† locale.

Visita ad amici o parenti

Per andare a trovare i propri cari di solito è necessario fermarsi per diversi giorni nel luogo in cui si trovano. Questi viaggi prolungati possono essere considerati un tipo di turismo lento.
‚Äć
Spesso ci permettono di integrarci nella comunità locale e di vivere un'esperienza culturale profonda. Andare a prendere un caffè nel negozietto all'angolo, fare un giro al mercato ortofrutticolo o scoprire il vostro bar preferito. Quando vivevo in Australia, i miei amici venivano a trovarmi. La maggior parte di loro si è fermata per diverse settimane e ha vissuto come un vero australiano.

Escursioni a piedi o in bicicletta

Il ritmo lento, l'impatto ambientale quasi nullo (a patto di raccogliere correttamente i rifiuti) e la scoperta di sentieri poco conosciuti. Insomma, non c'è bisogno di dirvi altro: l'escursionismo o gli spostamenti in bicicletta sono il massimo della combinazione tra viaggiare in modo responsabile e prendersi il proprio tempo.

Trovare alloggi ecologici per brevi soggiorni

Non c'è bisogno di allontanarsi da casa per combinare turismo lento e viaggio responsabile.

In Francia ci sono moltissimi g√ģtes, pensioni e alloggi ecologici. Affittatene uno per un weekend e avrete la garanzia di una pausa all'aria aperta.

Questo è esattamente ciò che offriamo noi di Parcel, con case minuscole in affitto in tutta la Francia. Ma non siamo gli unici, e i progetti locali si stanno moltiplicando.

Sebbene una moltitudine di piattaforme online permetta di affittare alcune di queste case per brevi soggiorni, non è facile trovare chi si impegna davvero in questo stile di turismo lento.

Per fortuna c'è una soluzione: le etichette.

 

Etichette per alloggi ecologici

Gli operatori del turismo sostenibile in Francia hanno sviluppato una serie di marchi per aiutarvi a orientarvi nelle vostre vacanze responsabili. Ecco i pi√Ļ importanti:
‚Äć
Cosa significa in pratica? Ne ho elencati alcuni che potrebbero stuzzicare il vostro appetito:

- Gites Panda
- Il marchio di qualità ecologica Chouette Nature
- Marchio europeo di qualità ecologica
- EcoGite
- ATR
- La scollatura verte

Ognuno di questi marchi è una garanzia di qualità e di impegno per lo sviluppo sostenibile e il turismo responsabile. Tuttavia, sono tutti rilasciati da organismi diversi i cui criteri possono variare. Coglierò l'occasione per scrivere un articolo sull'argomento.

Una cosa è certa, tutti hanno un obiettivo in comune: preservare e valorizzare la natura, garantendo una maggiore trasparenza ai turisti .

La vita lenta e l'ecoturismo come stile di vita

Per concludere questa lunga guida, non è necessario vivere in un mondo recluso e mangiare solo ortiche selvatiche per poter combinare questi stili di vita del turismo lento e ridurre il proprio impatto ecologico.
Tuttavia, nonostante la crescita del turismo lento, esso rimane relativamente poco studiato. Se volete saperne di pi√Ļ sul turismo lento, qui di seguito troverete alcuni testi chiave.

Che cos'è il concetto di slow living?

Sono stati gli italiani a dare per primi una parola a questo concetto.

Negli anni '80 hanno sviluppato il termine "slow food" per opporsi al "fast food". Va detto che quando si parla di gastronomia, il fast food non si adatta molto allo stile di vita da dolce vita dei nostri vicini di confine.

E a ragione!

Nel frattempo, lo slow food si è espanso oltre il settore della ristorazione per diventare slow living (a volte indicato come slow life).

In concreto, slow living non è, come vorrebbe la traduzione letterale, vivere lentamente: è l'arte di non andare veloci. La sfumatura è sottile, ma c'è. La vita lenta è un ritorno all'autenticità e alle basi.

Smettiamo di inseguire il tempo. Bisogna dire che siamo diventati degli specialisti in questo: notifiche del telefono, e-mail, lavoro: c'è sempre un'emergenza e qualcosa da vedere o da fare. Trovare il tempo per fare le cose e prendersi il proprio tempo è il senso dello slow living.

Combinare ecoturismo e vita lenta

Come avrete capito, lo slow living e il turismo eco-responsabile non si escludono a vicenda, anzi, è proprio il contrario. Si tratta di stabilire una nuova forma di turismo, un turismo alternativo se vogliamo.

Qual √® la cosa pi√Ļ bella? Si pu√≤ adottare questo modo di viaggiare ovunque si vada, purch√© si rispettino questi due elementi fondamentali:

- Concentrarsi sulla qualità piuttosto che sulla quantità
- Prendersi il tempo necessario per fare le cose

Non sorprende che, quando si è turisti all'estero o in Francia, sia possibile viaggiare in modo responsabile e sfruttare il concetto di slow life.

Ci√≤ significa semplicemente prendersi pi√Ļ tempo per immergersi nella cultura locale, per conoscere la regione o la comunit√† in cui si soggiorna. Questo va contro tutte le frasi che sicuramente avrete sentito prima o poi, come: "Conosci la Thailandia? S√¨, ho trascorso un weekend a Bangkok. "


Addio a quelle mappe del mondo da grattare in cui si spunta un Paese anche se si è trascorso solo un weekend nella capitale".

In breve, lo slow living e l'ecoturismo consistono nel prendersi il tempo per vedere e il tempo per fare, riducendo al minimo il nostro impatto ambientale.

Attenzione, vi vedo arrivare. Una vacanza ecologica non significa andare a soggiornare in un luogo senza acqua corrente o elettricità, guardando le piante crescere.

Anzi, vi mostrerò alcuni esempi.